Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1702/1211.13412 Scarica il PDF (35,3 kb)
Assist Inferm Ric 2012;31(4):227



3. Riflessioni su processi assistenziali
delegati e non erogati
Reflections on delegated and missed nursing interventions

A cura della Redazione


Il dibattito nei paesi con sistemi sanitari avanzati è particolarmente concentrato sulla necessità di riportare gli infermieri al letto del paziente: attraverso la rivisitazione dei modelli organizzativi, dei processi di lavoro, della struttura logistica e dell’informatizzazione della documentazione clinica. Con la carenza infermieristica le opportunità degli infermieri di stare al letto del paziente si sono ridotte: molte cure (anche terapie) sono erogate oggi dagli operatori di supporto, che i pazienti vedono con maggiore regolarità durante una degenza; per il carico di lavoro e la crescente burocratizzazione dell’assistenza, aumenta la probabilità di non erogare le cure pianificate.

1) Se da una parte gli infermieri hanno continuato ad acquisire nuovi spazi di autonomia, gli operatori di supporto hanno ottenuto avanzamenti sempre più importanti sino ad occuparsi della terapia, un’attività considerata “propria” dell’infermiere (e condivisa solo con l’infermiere generico). A tale avanzamento ha contribuito anche l’esigenza di rendere più sicura la somministrazione delle terapie nelle case di riposo (dove non ci sono di norma infermieri) e nelle cure domiciliari. Dal 2010, in alcune regioni si sono attivate sperimentazioni in cui gli infermieri hanno imparato a individuare i pazienti la cui terapia poteva essere somministrata dagli operatori di supporto. Quali sono i criteri in base ai quali decidere se una terapia può essere somministrata dagli operatori di supporto? E quanti sono i pazienti ospedalizzati per cui ciò è possibile?

2) Infermieri e operatori di supporto gestiscono insieme l’assistenza. Dalla loro integrazione, comunicazione e affiatamento, dipende anche la capacità di eseguire effettivamente quanto pianificato. Non sempre, infatti, viene fatto tutto quello che è stato pianificato: attività quali aiutare il paziente nella deambulazione, assicurare l’alimentazione, o la deambulazione sono omesse o posticipate al turno successivo (senza la sicurezza che siano eseguite). Il tema delle cure mancate è di crescente interesse nella letteratura: che cosa s’intende per cure mancate, da che cosa sono determinate, quali sono gli effetti su pazienti e operatori e come possiamo misurarle nel contesto italiano?


Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 2038-1778